Una scandalosa attività di lobby E all’estero ci giudicheranno, male

Dopo la concessione della grazia a Bompressi tutti si attendono che lo stesso provvedimento sia preso anche per Adriano Sofri. Un osservatore straniero come me rimane allibito, non tanto della grazia concessa a un assassino, essendo ancora fresco nella memoria il caso belga di Dutroux, quanto della campagna stampa degli amici dei suddetti assassini. Perché si parla tanto di morale ed etica in politica e poi si assiste a una scandalosa attività di lobby, su tutti i media italiani, al fine di far uscire di galera un amico. Un esempio che all’estero nessuno conosce e che forse è bene che rimanga ignoto, perché se già c’è poco rispetto per certi atteggiamenti degli italiani, questa vicenda potrebbe rappresentare la famosa goccia che fa traboccare il vaso dell’immoralità.