Uno scanner per le foto su pellicola

da Milano

Hewlett Packard ha annunciato una novità nell’ambito del restauro fotografico con l’introduzione dei primi scanner a sei colori, che trasformano in digitale vecchie foto, diapositive e pellicole senza tralasciare alcun dettaglio, per poter conservare al meglio i ricordi del passato solitamente custoditi in album polverosi o in fondo a un cassetto. I nuovi scanner fotografici Hp Scanjet G4010 e G4050 (nella foto) sono dotati di una nuova tecnologia che suddivide l’immagine in sei colori (rosso, arancione, giallo, verde, ciano e blu) ottenendo una scansione più realistica e intensa rispetto a quelle realizzate con i tradizionali scanner a tre colori. Questa innovazione permette di convertire foto, pellicole e diapositive in copie digitali, per poi realizzare ristampe di qualità. Grazie alle tecnologie Hp Real Life, inoltre, è possibile correggere difetti come gli occhi rossi, ripristinare i colori sbiaditi e far risaltare i dettagli delle aree scure ricorrendo alla funzione Adaptive Lighting. Quattro tasti sul pannello frontale permettono di eseguire con rapidità e semplicità scansioni, ristampe e copie di documenti, nonché di salvare le immagini in formato Pdf. Ci sono anche funzioni per organizzare, modificare, condividere e salvare le scansioni con un solo click. I due modelli (Scanjet G4010 e G4050) sono ottimizzati per la scansione di vecchie pellicole Kodachrome ed Ektachrome. I prezzi vanno dai 149 ai 199 euro.