Scappa all’alt dei vigili, si schianta e muore

Per evitare la multa, era stato sorpreso sulla corsia preferenziale, non rispetta l’alt dei vigili, fugge, scatenando un inseguimento che finisce tragicamente contro un palo della luce. Subito soccorso, viene portato al Policlinico dove però a cessato di vivere poche ore dopo.
La vittima è un giovane di nemmeno 27 anni, li avrebbe compiuti tra pochi mesi, padre di due figli, nato a Milano ma ufficialmente residente a Varazze. L’altro pomeriggio intorno alle 18.30 stava percorrendo la corsia riservata agli autobus di via Bezzi in sella alla sua Suzuki 600. Giunto in piazza Bolivar è stato intercettato da due motociclisti che gli hanno intimato l’alt. A questo punto il giovane, di cui il comando di piazza Beccaria non ha riferito le generalità complete, ha rallentato come per accostare, poi improvvisamente ha accelerato tentando di dileguarsi.
I vigili sono saliti sulle loro moto e si sono lanciati all’inseguimento, poche centinaia di metri, bruciando un semaforo rosso dopo l’altro. Fino a quando, dopo piazza Napoli e imboccato via Troya, in piazzale delle Milizie il centauro si è trovato davanti a un passante che stava attraversando con il verde. Il fuggitivo ha cercato di evitarlo ma così facendo ha perso il controllo della moto e si è schiantato contro un palo della luce. Il giovane è stato raccolto ormai in fin di vita ed è poi morto qualche minuto dopo il ricovero al Policlinico.
I vigili urbani hanno avviato gli accertamenti per identificare la vittima, scoprendo in breve che si trattava di un milanese residente in provincia di Savona. Non dovrebbe avere precedenti penali, la moto dovrebbe essere intestata a lui, forse aveva qualche problema di tipo amministrativo, o forse è scappato proprio perché sorpreso sulla corsia preferenziale, voleva evitare la multa e magari qualche decurtazione di punti dalla patente. In ogni caso qualcosa di terribilmente banale e che purtroppo gli è costato la vita.