Scappa di casa. La madre: tenetevelo E i carabinieri «adottano» il bimbo

da Foggia

La madre l’ha picchiato, lui è scappato di casa. Poi tre ragazzini lo hanno trovato mentre vagava in piazza e lo hanno accompagnato dai carabinieri. I militari hanno telefonato alla madre, ma lei, quando si è presentata in caserma e ha saputo che del caso sarebbe stata informata la procura, ha esclamato: «Allora tenetevelo». E così da tre giorni un bambino di 8 anni vive nell’appartamento del comandante della stazione dei carabinieri di San Ferdinando di Puglia, il maresciallo Giuseppe Francioso: i militari del paese in provincia di Foggia lo accompagnano a scuola e lo vanno a prendere, gli hanno comprato dei vestiti e organizzato una cena di benvenuto: pizza e torta. E adesso il bimbo sembra felice: gioca col cane del sottufficiale e si appassiona alla playstation. Il padre non lo ha riconosciuto e così il piccolo ha sempre vissuto con la madre. Domenica scorsa la donna gli avrebbe anche lanciato contro alcuni oggetti. A quel punto il bambino, esasperato, ha deciso di fuggire: erano le 6 del mattino, per strada non c’era nessuno, ha vagato fino a quando, in serata, è stato notato. Ai carabinieri che l’hanno avvisata, la madre ha detto tranquilla: «Tanto prima o poi sarebbe tornato». Il bambino aveva freddo, non indossava neanche un giubbotto, vagava da ore, non aveva mangiato: in caserma è stato soccorso e rifocillato. Lui, il bimbo, ora ha ritrovato il sorriso. E sogna di indossare un giorno la divisa di carabiniere. Probabile ora l’affido a un istituto.