Scappa e finisce sotto il treno

Si è risolto in dramma, con la morte di un cittadino marocchino, che è stato travolto da un treno mentre tentava di sfuggire alla polizia, un intervento quasi di routine di due agenti che volevano controllare i documenti di due extracomunitari.
È accaduto ieri mattina a Genova, dove è morto Samir Nahraoui, di 36 anni, originario di Fes, con precedenti penali e diverse espulsioni. Addosso aveva 10 grammi di polverina bianca, forse dell' eroina. La sua morte è stata subito comunicata al magistrato di turno, il pm Massimo Terrile.
Il controllo e il successivo incidente si sono verificati poco dopo le nove nei pressi della stazione di Genova-Voltri, nel ponente cittadino.
La vittima si trovava a lato della strada, in via Sorgente Sulfuree e, secondo la versione della Questura di Genova, stava bevendo una birra in compagnia di un amico. Gli agenti di una volante del commissariato di Sestri Ponente hanno avvicinato la coppia di stranieri che stava discutendo animatamente e hanno notato che uno dei due aveva una vistosa ferita sopra un occhio, ancora sanguinante. Da qui, afferma la polizia, la decisione di controllare le generalità.
Alla richiesta di fermarsi, i due hanno tentato la fuga in due direzioni diverse. Uno è riuscito a sfuggire alla cattura e si è dileguato. Naharaoui è stato invece bloccato da uno degli agenti. Quando anche il secondo poliziotto è arrivato a dare manforte al collega, il marocchino ha reagito. È nata una colluttazione, ha riferito la polizia, e l'uomo è riuscito liberarsi.
In pochi istanti, Naharaoui ha scavalcato una recinzione che separa la strada dai binari della linea Genova-Ventimiglia e si è messo a correre. Proprio in quel momento, si legge nel rapporto della Questura, sono arrivati quasi in contemporanea due treni, da due direzioni diverse. Nahraoui è riuscito a schivare il primo convoglio ma è stato urtato dal secondo.
In base ad una ricostruzione fornita dalle Ferrovie, il nordafricano è stato investito dal locomotore dell'Intercity Milano-Ventimiglia, che alle 9,10 transitava nella stazione di Voltri, dove non è prevista la fermata dei treni a lunga percorrenza. L'uomo è stato sbalzato ad alcuni metri di distanza, fuori dalla sede dei binari, e non è stato schiacciato dal convoglio.
La linea, composta da due binari, è stata subito bloccata.
All'incidente hanno assistito alcuni pendolari in attesa dei treni locali, molti dei quali hanno Voltri come stazione capolinea.
Per il marocchino, subito soccorso dagli stessi agenti che lo avevano fermato e da personale della stazione, non c'era più nulla da fare. Sul posto hanno eseguito accertamenti uomini della Polizia Ferroviaria, della Scientifica e il medico legale.
Il traffico ha subito ritardi tra i 40 e i 50 minuti.