Scarcerato il commercialista di Milanese: «Incarichi avuti per la mia professionalità»

Ieri hanno ottenuto la libertà Guido Marchese e Carlo Barbieri: rispettivamente commercialista di Marco Milanese e sindaco di Voghera. Indagati per corruzione, erano ai domiciliari per l’inchiesta napoletana che coinvolge l’ex collaboratore del ministro dell’Economia Giulio Tremonti. Per il gip le indagini avevano accertato che Milanese «aveva assicurato la nomina di Marchese a componente del collegio sindacale» in società a partecipazione pubblica, «ricevendo dallo stesso la somma di 100mila euro». La revoca dei domiciliari di Marchese è avvenuta dopo l’interrogatorio di martedì, quando è stata presentata richiesta di libertà. «Gli incarichi? Avuti per la mia professionalità», ha detto il commercialista. E sempre sul caso Milanese, una «curiosità», che stando a una dura smentita, potrebbe finire per vie legali. Secondo una notizia di ieri di Italia Oggi - ripresa dal Tg3 - Milanese nel 2006 avrebbe «dichiarato un reddito pari a zero». La reazione, con una nota dell’avvocato Bruno Larosa: «Per quell’anno» Milanese ha «dichiarato un reddito personale di euro 507.132».