Gli scarichi del porto andranno nei depuratori solo a settembre

Prenderà il via probabilmente a settembre l'operazione di collegamento degli scarichi del porto di Genova alla rete fognaria che conduce ai depuratori. Del progetto hanno discusso ieri mattina il sindaco Giuseppe Pericu, il presidente dell'Autorità portuale Giovanni Novi e l'assessore Valter Seggi. «Dovranno essere ripristinate 17 stazioni di sollevamento e rimesso in funzione un collettore per far sì che gli scarichi portuali confluiscano nei depuratori, migliorando la qualità dell'acqua dello scalo genovese», ha spiegato Seggi. La spesa sarà sostenuta dall'Autorità portuale, mente il Comune di Genova e Mediterannea Acque garantiranno il sostegno tecnico. «Genova è lunga 40 chilometri e 27 di questi sono interessati dall'area portuale - ha aggiunto Seggi -: è necessario che gli scarichi vengano convogliati nelle rete di depurazione, come è avvenuto ormai per gran parte delle utenze cittadine». Il ricircolo delle acque per l'abbattimento dell'inquinamento in porto è anche uno dei punti contemplati dal progetto di Renzo Piano per il waterfront. «Per realizzare quel progetto ci vorrà però una decina d'anni - ha concluso Seggi -. Nel frattempo il collegamento degli scarichi portuali può essere servire a regolamentare gli scarichi e migliorare la qualità del mare».