Scaroni guida la classifica dei modelli 730

da Milano

Al primo posto Paolo Scaroni, amministratore delegato dell’Eni, con 10 milioni di euro, seguito da Luca Cordero di Montezemolo, in qualità di presidente Bologna Fiere, che ha dichiarato redditi complessivi per 7,5 milioni e da Vittorio Mincato, presidente di Poste Italiane, con 4,8 milioni. È la classifica della dichiarazione dei redditi riferita al 2005 dei manager pubblici i cui elenchi sono stati resi disponibili dalla Presidenza del Consiglio. L’attuale governatore di Bankitalia, Mario Draghi, si piazza invece all’ultimo posto con 3.145 euro dichiarati nel 2005 ma all’epoca non era ancora il numero uno di Via Nazionale, e risiedeva all’estero: il suo insediamento a palazzo Koch risale infatti al gennaio 2006. L’ex numero uno di Alitalia, Giancarlo Cimoli, si aggiudica invece il quarto posto con 2,9 milioni di euro, seguito, a stretta distanza, da Roberto Poli, presidente dell’Eni, che ha dichiarato 2,8 milioni di euro. Sesta posizione per il presidente dell’Enel, Piero Gnudi, con 2,6 milioni. Nei primi dieci si piazzano anche il presidente del Centro Agro Alimentare di Bologna, Alberto Maffei Alberti con 2,28 milioni, Alfio La Manna, vice presidente della società Esercizi Aeroportuali di Milano con 2,26 milioni, l’ad dell’Enel, Fulvio Conti, con redditi per 2,20 milioni e l’ex presidente delle Fs, Elio Catania, con 2 milioni di euro.