Scatta l’ordinanza anti-dormitorio per un solo palazzo

Per contrastare il degrado urbano il Comune si affida anche a ordinanze così mirate da arrivare ad avere come obiettivo un solo condominio. È il caso dello stabile di viale Bligny 42, a pochi passi dalla Darsena, occupato in prevalenza da extracomunitari e noto ritrovo di spacciatori, che è stato raggiunto da un provvedimento che obbliga amministratori e condomini a depositare i contratti di locazione ai vigili. «Il provvedimento adottato - ha spiegato ieri il vicesindaco Riccardo De Corato - è il primo che riguardi un singolo stabile. E altri ne seguiranno a contrasto dei dormitori abusivi». L’ordinanza scatterà lunedì e rimarrà in vigore fino alla fine di gennaio: entro quella data i proprietari dei 271 appartamenti di quel civico, dovranno compilare una scheda con gli occupanti dei propri alloggi. L’ordinanza antidormitori è stata adottata per la prima volta dal Comune in via Padova dopo la sommossa tra immigrati dello scorso febbraio e poi è stata estesa anche in altre critiche - via Sarpi, Corvetto e via Imbonati - sempre accompagnata dal cosiddetto «coprifuoco» il provvedimento che impone la chiusura serale anticipata di bar, ristoranti e discoteche. Quando scadranno il 31 gennaio anticipa De Corato «decideremo come prorogarle, la parte del coprifuoco per bar e ristoranti in via Padova e Sarpi dove non sii rilevano più grossi problemi legati agli esercizi commerciali potrebbe essere stralciata».