Scavolini: "EuroCucina è un evento che fa tendenza nel mondo"

Tutte le novità del "cuore" della casa contemporanea al Salone del Mobile di Milano fino al 22 aprile. Export in crescita per i prodotti made in Italy

Bella per design e materiali, razionale, ordinata, tecnologica e anche “smart”: l’evoluzione della cucina non si ferma. Ed EuroCucina, al Salone del Mobile.Milano fino al 22 aprile, racconta questi nuovi trend negli stand scenografici e sempre affollatissimi.

“EuroCucina è l’evento più importante del mondo per il settore e quest’anno abbiamo avuto anche un incremento dello spazio riservato a Ftk - Technology for the Kitchen. Tutti i gandi player internazionali hanno reputato la manifestazione come il loro riferimento - spiega Alberto Scavolini, consigliere incaricato del Gruppo Cucine di FederlegnoArredo -. È il frutto di anni ricerca e di investimenti che hanno fatto le aziende italiane, soprattutto in questo periodo. Per uscirne abbiamo dovuto reinventarci e questo è il risultato. Al Salone del Mobile ci aspettiamo un aumento consistente di operatori, in particolare internazionali. Così è stato in questi primi giorni e siamo molto contenti. Credo che per tutti noi imprenditori del settore questo sia un grande avvenimento. L’export sta andando molto bene, stiamo crescendo - aggiunge Scavolini -, l’anno scorso c’è stato un incremento del 3,2%. Questo è il frutto della strategia e del lavoro delle nostre imprese che sanno differenziarsi, sono più flessibili sui mercati e soprattutto sono made in Italy. Oggi EuroCucina è un evento che fa tendenza”.

Le grandi aziende produttrici di cucine hanno impostato le collezioni all’insegna della “serenità” interpretata da superfici perfettamente calibrate, realizzate con materiali al top e completata da soluzioni tecnologiche come attrezzature interne, cerniere, sistemi di scorrimento, illuminazione per un utilizzo friendly. È il linguaggio della contemporaneità che si afferma. Declinato - addio allo stile country o moderno - attraverso sofisticate composizioni geometriche. Un esempio? La cucina Ratio dell’architetto belga Vincent van Duysen per Dada.
E spesso le superfici sono chiuse in un inedito giovo di pieni e vuoti. Approccio scelto da Giuseppe Bavuso con Inside System per Ernesto Meda: una cucina fatta di microcosmi funzionali in cui “addentrarsi”, una logica che fa pensare alla cabina-cucina estremamente funzionale. E Gabriele Centazzo disegna, per Valcucine, Logica Celata: un monolite “con sorpresa”. Scavolini invece che immagina, con Box Life (design Rainlight con Hok), una completa organizzazione funzionale, nascosta da ante a scomparsa, che dagli elettrodomestici raggiunge la lavanderia e quindi il letto a ribalta o lo sgabuzzino.

Ormai la classica suddivisione tra basi e pensili apppare superata, inadatta rispetto ai grandi piani orizzontali in pietra, acciaio, corian o fenix, e alle altrettanto grandi superfici verticali in laminato, vetri colorati o preziose essenze lignee come nel caso del modello Lounge di Veneta Cucine con l’abete ossidato abbinato al metallo liquido bronzo. L’effetto pieno, determinato delle pareti a tutta altezza, si alterna all’effetto vuoto delle superfici destinate al lavaggio o alla cottura con cappe di grande efficienza e impatto visivo. Le basi si alzano in omaggio alla corretta ergonomia delle posizioni di lavoro e sono più profondere per ospitare piccoli elettrodomestici ed accessori che sono così a portata di mano (e di vista perché spesso sono anche gioielli di design).

I colori sono un altro elemento di novità: all’acciaio si alternano o si accompagnano grigi caldi e marroni, punte di rosa antico e rosso Terranova. Il bianco e nero sono appannaggio delle versioni monocromatiche. Poi c’è chi si ispira alle cucine professionali come quelle di Officine Gullo con il programma Soft Grey & Nicheled Brass. Designer e progettisti tengono conto anche, e non è secondario, degli spazi sempre più ridotti degli appartamenti cittadini: così l’Atelier Mendini propone AM 01, per Sanwa Company, un “vero mobile”, ad ante curvilinee laccate e decorate, da posizionare addirittura in centro stanza: misura solo 120x65cm. Design che spesso, in generale, si confronta e tiene conto dei nuovi grandi elettrodomestici tecnologici, l’ultima frontiera di un mondo rappresentato al Salone contiguo a EuroCucina, Ftk dove ci sono prodotti: dai forni ai frigoriferi che sono pensati per essere lasciati a vista o integrati quasi come nuovi “oggetti di culto e funzionalità” nella cucina contemporanea.

Commenti

alfa553

Dom, 22/04/2018 - 15:46

Spazzatura,magari di classe ma spazzatura.Ma chi volete prendere per i fondelli.