Scegliere la nuova vettura è quasi un lavoro

da Bologna

L'80 per cento delle persone che intendono comprare una nuova auto prende in considerazione diverse marche e vari modelli prima di decidere; e il 61 per cento visita almeno due-tre concessionarie dello stesso marchio prima di orientarsi definitivamente. E sulla scelta finale, almeno per quanto riguarda l'estetica dell'auto da comprare, «pesa» anche il giudizio delle mogli.
È questo il quadro del potenziale acquirente di autovetture che emerge da una indagine di TNS Infratest elaborata per conto di AssoComunicazione e presentata questa mattina al Motor Show di Bologna, alla presenza tra gli altri di Luca De Meo, responsabile brand & commercial Fiat; di Alfredo Cazzola, presidente di Promotor, e di Marco Testa, presidente di AssoComunicazione. Dalla ricerca è emerso che le fonti migliori per acquisire notizie sull'autovettura sono per il 70 per cento degli interpellati, le concessionarie. Per il 70 per cento dei potenziali acquirenti, infine, è importante anche l'eticità dell’azienda che propone la vettura.
Gli espositori presenti al Motor Show 2006 sono 389, e di questi 83 sono stranieri provenienti da 21 Paesi. Le novità di prodotto a Bologna sono 114, con 14 anteprime mondiali e 12 europee. In programma, martedì e mercoledì, per i media 31 conferenze stampa. Tra le antreprime, ecco la Ford C-Max, la nuova Mondeo SW, l'Opel Astra 2007, la Skoda Roomster Scout, la Maserati MC12 Versione Corse, la nuova Smart ForTwo, la Toyota Auris (in pratica la futura Corolla) e la «prima» ancora oggi segreta di una concept della Volkswagen. Inedite anche la Chevrolet Nubira diesel, le indiane Tata Safari 2.2 e Pick-up (il gruppo asiatico è, come noto, un partner importante di Fiat), la cinese Katay con le sue Victory e Troy e, ancora, la cinese Great Wall mentre per tornare in Italia, la Lamborghini Murcielago Roadster LP640.