«Scegliete italiano» Sciopero dell’ananas per il made in Italy

Basta con la frutta esotica, riportiamo i prodotti del made in Italy nelle tavole natalizie, a partire dallo zampone. Di più: dimostriamo che gli italiani dei prodotti nazionali si fidano. Il modo lo ha già indicato il ministro dell’Agricoltura Luca Zaia (nella foto) ieri, incontrando i giornalisti: uno «sciopero dell’ananas». Meglio lasciarlo fuori dai cenoni e dal pranzo di Natale per lasciare spazio ai circa 2.500 prodotti tipici di questa stagione. Frutta, quindi. Ma anche i classici zamponi. Perché la carne di maiale, al centro dell’attenzione mediatica, assicura il ministro leghista, «è sicura se proviene dai nostri allevamenti». L’invito viene in prossimità dei cenoni più ricchi dell’anno. In una settimana infatti sono più di uno i menu succulenti in preparazione nelle cucine italiane e il ministro cerca di sensibilizzare le massaie e non solo a consumare cibi nostrani e a boicottare prodotti di incerta provenienza e di dubbia qualità.