La scena del crimine diventa un’attrazione

Un finto salotto-bene di un appartamento di una città italiana, un (finto) delitto appena consumato, veri agenti al lavoro per fare i rilevamenti: è la scena che si troveranno davanti i cittadini che faranno visita allo stand della polizia scientifica realizzato a piazza del Popolo per il 154° anniversario della polizia ed è una delle tante attrattive presenti quest’anno. Dalle tecnologie più avanzate ai reparti d’élite, la polizia ha messo a disposizione degli italiani affinché possano vederli e conoscerli, tutti i suoi gioielli. Saranno illustrate le modalità di indagini tradizionali, cosiddette «di campo», con un continuo rinvio, attraverso le slides, alle successive analisi di laboratorio sui reperti rinvenuti sulla scena dell’omicidio per poi risalire al Dna. Nello stand sono presenti, tra gli altri, il laboratorio di «indagini sul suono e sulla voce», che svolge attività di analisi dei segnali audio, il «laboratorio evidenziazione delle impronte latenti» e il settore «identità grafica». Ma a Piazza del Popolo sono arrivati anche gli appartenenti al Centro nautico sommozzatori (Cnes) di La Spezia, il reparto d’élite della polizia marittima.