In scena Sesso comico nei monologhi della Faiella

Il Teatro Filodrammatici, via Filodrammatici 1, ospita fino al 22 febbraio «Sesso? Grazie, tanto per gradire», regia di Milvia Marigliano, con Alessandra Faiella (fino al 22 febbraio, ore 21). Uno monologo ideato per ridere e riflettere sull’amore nella sua accezione più fisica.
Lo spettacolo ha inizio con una fiaba medioevale che narra la storia di due innamorati che chiedono a un vecchio saggio come far durare per sempre il loro amore. Partendo da questo spunto si dà l’avvio ad una serie di monologhi-dialoghi sulla verginità, l’orgasmo, l’impotenza, la frigidità, argomenti un tempo considerati dei tabù, ma che grazie all’umorismo del testo e all’interpretazione dell’attrice, non scadono mai nella volgarità e nella banalità. Dice Alessandra Faiella: «Ricordo di avere visto Franca recitare questo testo al Teatro di Porta Romana circa una decina di anni fa: fu una folgorazione. Come era possibile, mi chiedevo, parlare di orgasmo, verginità, impotenza, frigidità senza mai una volta cadere nella volgarità, senza mai divenire banali, e facendoci rotolare per terra dalle risate?». Contina l’attrice: «Parlare di sesso, dice Franca Rame, è parlare d’amore, perché fare bene l’amore migliora la comunicazione e l’armonia tra le persone». Attraverso una sorta di «allegra terapia di gruppo» lo spettacolo smitizza di tutti i tabù che ancora imperversano nella nostra cultura e che impediscono un approccio più libero alla sessualità.