In scena tutti i colori dello spettacolo

Il cartellone si apre con Dado. In scena anche Eleonora Giorgi

Commedia, cabaret, teatro-canzone, musical, danza, magia: punta sull'intrattenimento leggero di qualità la stagione del teatro Olimpico. E ci punta con la consueta apertura verso la scena internazionale (arricchitasi quest’anno di una fruttuosa collaborazione con Romaeuropa Festival) e l’altrettanto assodata «fiducia» in volti televisivi e cinematografici ben noti al grande pubblico. Tra i dodici titoli in scaletta spicca, infatti, la gustosa proposta di una pièce quale Fiore di cactus di Pierre Barillet & Jean-Pierre Gredy, caposaldo della drammaturgia brillante del secolo scorso che, trasporta sul grande schermo in un celebre film con Ingrid Bergman e Walter Matthau, segna adesso l’esordio teatrale di Eleonora Giorgi, al fianco di Remo Girone in un personaggio «che - spiega l’attrice - somiglia molto alle donne solari, ottimiste, affettuose ma pensanti che ho interpretato al cinema. Ho deciso di accettare questa sfida solo perché credo che il pubblico qui possa riconoscermi per quello che sono sempre stata» (dal 9 dicembre).
Nel filone della commedia di carattere, briosa e parodistica, si posiziona pure il nuovo testo di Diego Ruiz Perché mamma… non ci separi, dove menage di coppia e caparbio mammismo italiota si mescolano allegramente, sdoganando quei vizzi e vezzi del Bel Paese che offrono inesauribile materia comica pure a Max Giusti (impegnato nell'inedito Nuova Repubblica), a Maurizio Battista (il suo show si intitola Cari amici miei) e a Dado, strenuo ammiratore di Giorgio Gaber che in Onesto ma non troppo (spettacolo d’apertura) tributa un omaggio al grande cantautore milanese, rivisitandone in modo originale stile e grammatica. Se la danza rappresenta poi un’altra bella fetta di programma, con produzioni che spaziano dalla classicità moderna di Giulietta e Romeo all’acrobazia di Aeros, dalla sensualità mediterranea di Carmen a quella sudamericana di Tango Metropolis, da non perdere assolutamente si preannuncia il musical Bollywood, un successo intercontinentale degli ultimi mesi che arriva a Roma, in chiusura di stagione, con il suo robusto carico di costumi, luci,sonorità esotiche e note rock.