Gli scenari La Digos teme l’asse romanisti-catalani

PAURA Le due tifoserie alleate contro gli odiati inglesi Oggi un vero ponte aereo, apertura notturna a Ciampino

Sarà una giornata di grande trafficio sui cieli, nei mari, per le strade della capitale. Alle migliaia di tifosi inglesi e spagnoli giunti ieri si aggiungerà oggi il contingente più numeroso. Che arriverà soprattutto in aereo, e soprattutto con charter che costringeranno l’aeroporto di Ciampino a restare aperto anche di notte fino a dopodomani, come ha reso noti ieri l’Enac. Una decisione presa «per permettere l’operatività dei circa 400 voli aggiuntivi, di cui 30 charter e 370 voli di aviazione generale, previsti nell’arco dei tre giorni su Roma Ciampino. I collegamenti di linea verranno operati secondo programmazione». Grande traffico anche a Fiumicino, dove dalle 8 di questa mattina ci sarà un vero e proprio ponte aereo con Manchester (25 voli charter) e con Barcellona (31 charter) oltre ai voli di linea. Nei due scali sono state previste aree di sosta differenti per i pullman che portano a Roma le due tifoserie.
Molti tifosi spagnoli hanno invece scelto la nave che collega la capitale catalana a Civitavecchia. La prima grossa ondata di tifosi «blaugrana» (almeno un migliaio) è giunta ieri sera al porto laziale mentre oggi alle 14.30 se ne aggiungeranno altri 1500 con il «Cruise Roma». Non appena a terra, la maggior parte sarà fatta salire dalla Polizia di Frontiera sui pullman al seguito e soltanto una minoranza dovrebbe trasferirsi alla stazione ferroviaria per prendere i treni diretti a Roma. Anche a Civitavecchia non sarà possibilie acquistare o bere alcolici.Ttutti ripartiranno nella notte successiva alla partita o domani.
E ieri si è animato anche «Fergiefields», il quartier generale dei tifosi del Manchester United che ha trasformato in un «enclave» inglese il campeggio di Tor di Quinto. Ieri birra a fiumi tra le tende e nella zona tra lo stadio Olimpico e il campo. Molti tifosi in realà sembrano ignorare i dettagli dell’ordinanza antialcol e credono che il campo di Fergiefelds sia zona franca. «Hanno vietato l’alcol in tutta Roma da oggi pomeriggio - spiega un gruppo di ragazzi inglesi - l’unico posto dove si potrà bere e fare festa domani (oggi, ndr) è il nostro campo di Fergiefields».
Ma a spaventare di più le forze dell’ordine non sono le possibili intemperanze alcoliche degli inglesi, ma l’asse tra l’area di destra del tifo romanista e i tifosi del Barcellona contro i tifosi del Manchester. Uno scenario ipotizzato dagli uomini della Digos che mantengono alta l’attenzione in vista della partita di domani sera all’Olimpico. L’obiettivo primario è scongiurare contatti tra alcune frange degli ultrà giallorossi con i supporter dell’United, con i quali non scorre buon sangue dopo il 7-1 subito dalla Roma all’Old Trafford due anni fa.