Scesi all’1,1% i viaggiatori senza biglietto

Dopo sei settimane dall’inizio della campagna antievasione avviata lo scorso 16 gennaio da Trenitalia in tutta la Lombardia il tasso di evasione si è ridotto all’1,1 per cento.
È quanto emerge dai dati presentati ieri proprio dalla società Trenitalia e basati sui controlli effettuati fino ad oggi nelle stazioni su 15.297 passeggeri in discesa da 295 convogli regionali, secondo cui nella regione Lombardia solo 1,1 passeggeri su cento viaggia senza biglietto.
Sono state invece centosettanta le regolarizzazioni effettuate dal personale dipendente di Trenitalia.
Secondo la società Trenitalia «il concomitante incremento delle vendite, rende ragionevole l’obiettivo di un maggiore introito che concorrerà al risanamento finanziario dell'azienda - fa sapere la società - premessa indispensabile al rilancio degli investimenti per il miglioramento della qualità del servizio».
Questi risultati, insieme alle osservazioni e ai rilievi statistici relativi alle prime sei settimane di controlli straordinari, sono stati oggetto di un ampio confronto ma anche di analisi in seno al comitato di Monitoraggio e Garanzia riunitosi oggi a Firenze, al quale hanno aderito 26 associazioni dei consumatori e dei pendolari di 12 regioni.
Durante l’incontro di ieri sono state anche presentate ed esaminate le modalità adottate fin qui per eseguire i controlli a terra e raccolti alcuni suggerimenti su come proseguirli nelle prossime settimane, tenendo in considerazione un sempre maggiore coinvolgimento delle stesse associazioni che si occupano dei diritti dei consumatori.