Schianto del Malpensa Express, un morto

Un morto, un ferroviere di 41 anni, e tredici feriti. È il bilancio del grave incidente ferroviario avvenuto ieri sera poco prima delle 21 a Garbagnate. Uno scontro frontale tra il Malpensa Express diretto a Milano e un treno che viaggiava sulla linea Milano-Saronno. Poteva essere addirittura una tragedia, visto che sull’Omnibus viaggiavano una quarantina di persone e sulla navetta partita dall’hub almeno 90. Il Malpensa Express aveva la precedenza, ma il macchinista dell’altro convoglio forse non ha visto il semaforo rosso. Il governatore Roberto Formigoni, che si è precipitato sul luogo dell’incidente, ha annunciato che la Regione aprirà un’inchiesta «che si chiuderà in tempi rapidi». Anche Ferrovie Nord «a latere dell'inchiesta della magistratura, ha aperto una propria indagine interna per ricostruire la dinamica dei fatti». Drammatici i racconti di chi viaggiava sui due treni. All’interno delle carrozze buie, i passeggeri cercavano una via di scampo, temendo che potesse scoppiare qualche incendio: «Ci siamo trovati a terra uno sull’altro, si sentivano urla, pianti, lamenti, non sapevamo come uscire». La Lega chiede dimissioni immediate dei vertici delle Nord.