Schianto sulla strada del Naviglio Muoiono tre 20enni kosovari

Tre morti e due feriti, è il tragico bilancio di un pauroso incidente stradale che ha insanguinato durante il weekend le strade del Magentino. Sull'asfalto sono rimasti i corpi di tre immigrati 20enni originari del Kosovo, mentre all'ospedale di Magenta sono stati ricoverati due fidanzati, per fortuna con ferite più lievi. Tutti reduci da uno scontro frontale fra due auto che procedevano in direzione opposta, lungo la strada che costeggia il Naviglio Grande.
La tragedia si è consumata sabato poco prima della mezzanotte, sulla Provinciale 117 tra Magenta e Robecco sul Naviglio, nei pressi di uno Sporting Club. E, anche se non è stata ancora accertata l'esatta dinamica dell'incidente, pare che la velocità sostenuta abbia giocato un ruolo decisivo nello scontro.
Non si è ancora capito quale dei due mezzi abbia invaso la corsia opposta, provocando l'inevitabile impatto frontale che non ha lasciato scampo alla Peugeot su cui viaggiavano gli stranieri. Sul posto sono accorsi i soccorritori, ma hanno potuto fare ben poco per i kosovari estratti a fatica dalle lamiere: i tre sono morti sul colpo. Due di loro, 19 e 20 anni, sono stati identificati attraverso i documenti, il terzo è stato riconosciuto da parenti e amici. Erano tutti regolari e residenti in zona da un paio d'anni.
I due fidanzati che si trovavano a bordo di una Seat Ibiza, se la sono invece cavata con alcune fratture guaribili in un periodo stimato dai medici tra i 30 e i 40 giorni.
I poliziotti della Stradale hanno effettuato i rilievi e il test dell'etilometro fatto al conducente della Seat Ibiza è risultato negativo. Per l'altro deceduto, invece, occorrerà attendere l'esito dell'esame autoptico.