Schiavone e Pennetta sognano la Top Ten

L’Italia si affida a Francesca la guerriera e Flavia la sexy, E la Francia punta alla vittoria con la Mauresmo «innamorata»

Lea Pericoli

Chissà se alle moderne eroine del tennis, quando giocano i punti importanti, batte il cuore? Temo che le superatlete di oggi non possano fare certe confessioni. Ma una cosa è certa: quando Francesca Schiavone si avvicina ai grandi traguardi subisce una piccola trasformazione. L’ho già scritto e mi piace ricordarlo: Francesca è una straordinaria lottatrice. Si muove bene sul campo. Combatte come una tigre. Non credo che conosca la paura. Però ha un problema: quando si trova a un passo dalla grande impresa cambia modo di giocare. Per liberarsi attacca come una disperata soprattutto contro le giocatrici, sulla carta, più forti di lei. Nella finale di Sidney conduceva 5-3 al terzo ed aveva il servizio a disposizione. Era quello a mio avviso il momento di attendere. Il tennis si gioca in due, lasciare l’iniziativa all’altra non è una vergogna! Tenere la palla in campo avrebbe costretto la Henin a conquistarsi i preziosi quindici che invece le sono piovuti come manna dal cielo! Peccato.
Per fortuna le carriere si costruiscono con l’esperienza. La finale di Sidney contribuirà a dare alla nostra giocatrice la consapevolezza di alcuni valori. Nell’Olimpo del tennis è entrata di prepotenza anche Flavia Pennetta. La supersexy Sabrina Ferilli della racchetta ha conquistato la finale nel Gold Coast. Dopo l’addio di Silvia Farina abbiamo trovato due degne sostitute. Due ragazze capaci di scrivere altri capitoli importanti. Due donne determinate, vicine al top ten. La Schiavone è passata a numero 12. Flavia Pennetta negli Australian Open difenderà la testa di serie n.20.
Questa notte ha inizio la prima prova del Grande Slam. La Davenport che è n.1 si trova nella parte alta del tabellone assieme a Serena e Venus Williams, alla Sharapova e a Justine Henin. Nella parte bassa del draw ci sono: Kim Clysters n.2, la Mauresmo, la Pierce, la Schnyder, la Pennetta e la Schiavone, che ironia della sorte al primo turno affronta la Serra Zanetti. Sarebbe bello poter scrivere la favola di Flavia e di Francesca, una bellissima storia che nel nostro tennis sta diventando realtà. Martina Hingis verrà subito messa a dura prova dalla russa Vera Zvonareva. La Francia non nasconde le sue ambizioni. «Amelie Mauresmo è innamorata. La sua nuova vita la aiuta a vincere», questo era il titolo di Paris Match. Nell’intervista Amelie racconta la sua nuova felicità e il desiderio di avere un bambino. Rivelazioni o esagerazioni? Chissà. Un dubbio rimane quando la campionessa rivela che per avere un figlio si può anche ricorrere all’adozione.