La Schiavone elimina la Pennetta

Lea Pericoli

Il tennis che giocano le signore nell’Era Moderna è uno spettacolo che molti appassionati considerano addirittura più bello di quello degli uomini. Un tempo le donne erano noiose! Tuttavia ciò che mi fa sorridere è la sorpresa dei cosiddetti «esperti» che rimangono attoniti di fronte a situazioni per loro incomprensibili. È accaduto a Parigi nel match tra Flavia Pennetta e Francesca Schiavone. Sfida vinta da Francesca per 4-6,6-1,9-7, dopo che Flavia, sul 7-6, aveva avuto a disposizione 2 match points. È vero che il tennis femminile è diventato un gioco bellissimo e dinamico ma grazie a Dio l’animo delle donne rimane un mistero. La partita piena di incertezze e tormenti ha riproposto i problemi di sempre: le difficoltà nel confrontarsi con la propria amica ma anche con la nemica di cui si conosce ogni mossa e dalla quale occorre difendersi. Una brutta ferita per Flavia. Un brivido per Francesca che guarda avanti in maniera positiva. Ora affronterà la Kutznetsova a cuor leggero. Non c’è niente di meglio che uscire dall’inferno. Nella sesta giornata del torneo superano il turno Mauresmo, Clijsters, Dementieva, Hingis, Williams, Schnider, Safina. In campo maschile Nadal, Gaudio, Davydenko, Blake, Robredo, Ferrer, Monaco. Oggi la nostra Tathiana Garbin scenderà in campo contro Justine Henin detentrice del titolo, ex n.1 del mondo, la più talentuosa del Circuito. Nel 2004 Tathiana la batté a Parigi. Auguriamole che sia sufficiente «crederci»!