Schiff e Shiokava, coppia d’arte in concerto

Lui pianista, lei violinista insieme per Mozart

Era la notizia di fine estate, il classico argomento scacciapensieri, di colore. Ha viaggiato da un tiggì all’altro tenendo banco anche sulla carta stampata. Gli amori a distanza – questo il tema - sfuggono l’uggia del quotidiano e durano di più. Sarà. Certo è che se alla distanza s’aggiunge la comunanza di attitudini, di studi e di professione allora i conti quadrano un poco meglio o almeno si contribuisce a portare acqua al mulino. Il caso specifico delle coppie d’artisti o meglio, per entrare ancor più nello specifico, di alcune fra esse. Prendete i coniugi András Schiff e Yuuko Shiokawa. Pianista di carriera internazionale lui, una vita in altalena fra sale da concerto e d’attesa negli aeroporti. Origini e studi a Budapest e ora residenza alle porte di Firenze, il buen ritiro dove Schiff capita però di rado, accade che non vi ritorni per mesi consecutivi. Simile discorso vale per lei, violinista giapponese di bella carriera, un poco schiacciata da quella di un sì grande marito. Nelle coppie artistiche suonare assieme può così diventare il pretesto per far convergere tempi e cuori. Schiff e la moglie, per esempio, fanno coppia musicale, non accade regolarmente ma sempre quando c’è in ballo il nome di Mozart di cui gli Schiff hanno inciso il ciclo completo delle Sonate per violino e pianoforte.
Giovedì primo novembre, alle ore 21, in Conservatorio, Juuko Shiokawa propone con il marito la «Sonata K 304 e K 526» di Mozart, più la «Sonata in sol maggiore op.78» di Brahms e quella in la minore di Schumann.
Un’occasione, insomma, per appurare come le affinità elettive si possano tradurre in termini musicali. In realtà, gli Schiff già potrebbero sciogliere il nostro interrogativo considerato che hanno consegnato al disco le Sonate di Mozart eseguite lei con il violino di Mozart e lui al fortepiano. Poi, capita che gli Schiff allarghino l’intesa a tre, quindi ai «Trii» di Mozart piuttosto che di Schubert.
András Schiff e Yuuko Shiokawa
Conservatorio
questa sera ore 21