Schiuma: «Primarie per l’anti-Veltroni»

Controlli a tappeto sul litorale romano da parte dei carabinieri della compagnia di Anzio, coordinati dal capitano Forleo, al fine di garantire una balneazione più sicura ai villeggiante. Infatti, dall’inizio della stagione estiva, sono state numerosissime le contravvenzioni elevate dagli uomini dell’Arma che perlustrano le coste a bordo di potenti motoscafi e battelli, ai danni di piccole e medie imbarcazioni che non erano in regola con le norme sulla navigazione. Anche durante tutta la giornata di ieri i carabinieri della compagnia di viale Marconi hanno lavorato a pieno ritmo perlustrando la costa e contravvenzionando tutti i natanti che si avvicinavano oltre il limite consentito alla spiaggia, mettendo a repentaglio l’incolumità dei bagnanti. Particolare attenzione è stata concentrata sulle ormai famose «moto d’acqua» attualmente molto diffuse e tanto pericolose anche sulle coste romane e laziali. Controlli dei carabinieri della stazione di Tor San Lorenzo, invece, su oltre cinquanta extracomunitari di nazionalità croata, serba, romena, bulgara e nordafricana di cui dodici sono risultati non in regola con le norme relative al soggiorno in Italia. Motivo per cui sono state avviate nei loro confronti le procedure per l’espulsione con il successivo accompagnamento alla frontiera. In particolare, un cittadino croato, O. P. di 27 anni, è stato arrestato in osservanza alle nuove procedure antiterrorismo perché rinvenuto in possesso di documenti falsi \