Schuster, passato amaro. E il Barcellona vola

Il Real Madrid del tecnico tedesco perde contro gli ex del Getafe. Ora è a -6 dagli azulgrana. In Inghilterra lo United vince il derby e guadagna 3 punti sul Chelsea<br />

SPAGNA. Il passato non perdona e il futuro non promette nulla di buono. Il Real Madrid perde 3-1 in casa del Getafe e mister Schuster ha poco da ridere sotto i baffi. Già, perché la sconfitta contro la squadra che lo aveva lanciato nella Liga è di quelle pesanti. Soprattutto se si considera la prova devastante di forza dei rivali catalani: 3-0 a Siviglia (non proprio l’ultima arrivata) grazie a Eto’o sempre più capocannoniere e grazie a un Messi straordinario e Barcellona a +6 sulle Merengues. Risalgono il Villarreal (2-1 a Huelva, Rossi a secco) e il Valencia, che batte 3-2 il Betis. Dilaga l’Atletico Madrid contro il Racing, mentre non si fermano Deportivo e Valladolid, ancora vittoriose. Athletic Bilbao fuori dalla zona retrocessione grazie al 2-0 (doppietta di Llorente) con cui batte e sorpassa il Numancia. Crisi nera per l’Espanyol e l’Osasuna.

INGHILTERRA. Sfide di cartello in Premier League. Due derby hanno infuocato la 15ª giornata e hanno messo scompiglio nelle zone alte della classifica: al City of Manchester stadium lo United batte i cugini Citizens grazie a una carambola di Rooney, mentre il neo pallone d’oro Cristiano Ronaldo si vede sventolare in faccia un rosso per uno sciocco fallo di mani che gli vale il secondo giallo. Vede invece rosso il Chelsea, che a Stamford Bridge crolla sotto i colpi di Robin Van Persie. Il gioiello olandese ribalta il vantaggio iniziale dei Blues (autorete di Djourou) e regala all’Arsenal la vittoria nella stracittadina della High London. Il Liverpool stasera può allungare a +3 su Scolari e compagni, ma dovrà vedersela con un West Ham in ripresa. Battuta d’arresto invece per il Tottenham, battuto al White Heart Lane dall’Everton. Ancora ko il Sunderland guidato dall’ex bandiera del Manchester Roy Keane.

GERMANIA. È sempre meno sorprendente l’Hoffenheim, che liquida con un 3-0 sonosro l’Arminia Bielefeld. Alle sue spalle, continua a cavalcare il Bayern Monaco, che ritrova la coppia gol Klose e Toni a Leverkusen. Venerdì sera nell’anticipo all’Allianz Arena le due prime della classe si giocheranno il primato. Continua poi il Werder Brema double-face: 5-0 all’Eintracht e una cesta di rimpianti pensando al pareggio a Nicosia in coppa. Risale anche l’Hertha Berlino: 2-1 contro il Colonia e terzo posto agguantato.

RESTO D’EUROPA. In Francia momento di appannamento del Lione, che dopo la batosta contro il Psg viene bloccato dal Valenciennes ultimo in classifica. Bene il Rennes che batte il Saint Germain. Nizza-Grenoble rinviata per maltempo. In Scozia il Celtic allunga sui cugini dei Rangers, sconfitti per 2-1 ad Edimburgo dagli Hearts in inferiorità numerica. Ora tra cattolici e protestanti il distacco è di 7 lunghezze. In Portogallo il Leixoes capolista rallenta e stasera il Benfica può superarlo se dovesse battere il Vitoria Setubal in uno dei due posticipi. Bene sia lo Sporting Lisbona sia il Maritimo. In Olanda allunga ancora l’AZ Alkmaar, mentre l’Ajax non va oltre l’1-1 contro l’Utrecht, in quella che per Marco Van Basten è un po’ la partita del cuore tra la squadra della sua città e quella in cui è diventato grande e che ora allena.

RESTO DEL MONDO. In Brasile festa rimandata per il San Paolo. I rossoneri, fermati sull’1-1 dalla Fluminense, perdono il primo match ball per assicurarsi il Brasileirao 2008. Il Gremio dilaga contro l’Ipatinga 4-1 e ora è a tre punti di distanza a una giornata dal termine del campionato. Tutto si deciderà negli ultimi 90’: il Gremio ospita l’Atletico Mineiro, mentre il San Paolo è ospite del Goias. In Argentina continua la cavalcata del Boca Juniors, che grazie alla doppietta di Riquelme supera il Racing di Avellaneda. Resiste il Tigre, che demolisce il River Plate per 3-1 e resta a due punti dal Boca. Sospesa al 16’ sul risultato di 1-0 Huracan-San Lorenzo.