Sciarelli, Santoro e il giallo degli spioni

La rivelazione è di quelle che fa sgranare gli occhi: «C’era un dossier segreto sui giornalisti Michele Santoro e Federica Sciarelli». Materiale che sarebbe alla base anche di alcune lettere calunniose inviate ai giornali, nei confronti del pm Henry John Woodcock e dell’ispettore di polizia Pasquale Di Tolla, come riporta La Gazzetta del Mezzogiorno. Insomma, pare che i cellulari dei giornalisti Rai fossero spiati per scoprire se tra le loro fonti vi fossero il magistrato napoletano e l’agente che collaborava con lui alle inchieste. I magistrati di Catanzaro si stanno concentrando su un ex 007 - da qualche settimana in carcere - sospettato di aver scritto le missive firmandosi «signor Sicofante». Woodcock, sentito dai colleghi calabresi, ha ammesso: «I contatti con la Sciarelli c’erano, ma tutti ormai conoscono il nostro legame personale...».