«Scidone ora vede il degrado Prima mi dava del bugiardo»

L’assessore alla Città Sicura di una città insicura, al secolo Francesco Scidone, ha ammesso che ai giardini Cavagnaro, sulla «piastra» di Staglieno, c’è degrado. Il 10 agosto ultimo scorso aveva dato del bugiardo visionario «come del resto il suo presidente del consiglio con l’intero Paese» (all’epoca Berlusconi, ovviamente), al consigliere comunale Gianni Bernabò Brea che, riprendendo un servizio del Giornale, gli chiedeva conto della situazione. «Non c’è niente di quanto afferma - scrisse Scidone nella risposta -. Se vuole ci torniamo insieme così forse sarà in grado di farmi vedere ciò che non c’è».
Inevitabile che oggi Bernabò Brea chieda conto a Scidone di quell’atteggiamento: «Oggi la montagna ha partorito il topolino: l’assessore ha “scoperto” che il problema c’è. A questo punto, riprendendo la sua nota di agosto, rifletto sulla verità che esiste negli antichi detti popolari... ”il corvo disse al merlo: come sei nero”». E conoscendo l’abituale modo di reagire dell’assessore che pretende sempre di avere l’ultima parola, ottenendo spazio sul Giornale, Bernabà Brea chiosa: «Spero che non vi sia una replica a seguire che giustifichi che nel mese di agosto sudamericani e nomadi fossero in ferie».