La scienza pedina Montalbano

Andrea Camilleri, aprendo la stagione dei gialloni estivi, prende il largo sui suoi inseguitori. La nuova puntata dell'infinita saga dedicata a Montalbano macina copie su copie. La rete di protezione (Sellerio) raggiunge le 25mila copie vendute in una settimana. L'inseguitore più vicino è il fisico Carlo Rovelli che però, con L'ordine del tempo (Adelphi), si attesta a 9mila e 100 copie circa. Troppo poco per impensierire il signore e padrone di Vigata, ma moltissimo per un saggio scientifico. Al terzo posto, ormai in discesa abbastanza rapida, le Storie della buonanotte per bambine ribelli. 100 vite di donne straordinarie (Mondadori) di Francesca Cavallo e Elena Favilli si attesta sulle 5mila copie. Ma in Mondadori possono essere soddisfatti.

Al quarto posto, in crescita, troviamo il nuovo thriller di Paula Hawkins Dentro l'acqua (Piemme). Evidentemente, anche se la trama è molto più complessa e resa in modo meno scorrevole rispetto al primo lavoro della Hawkins (La ragazza del treno) i lettori apprezzano il libro più di quanto abbia fatto la critica. È in classifica ormai da settimane e 4mila e 600 copie non sono poche. Decisamente più veloce, invece, la discesa di due firme storiche da bestseller, per certi versi molto affini. Daniel Pennac, con Il caso Malaussène. Mi hanno mentito (Feltrinelli) è scivolato al settimo posto e galleggia attorno alle 3mila copie. E Stefano Benni con Prendiluna (Feltrinelli) è nono e deve accontentarsi di 2mila e 300 copie. Per carità, sono vendite più che accettabili, ma ben lontane dai risultati che entrambi gli autori potevano raggiungere qualche anno fa. Da notare anche la presenza in classifica di Piero Angela con la sua autobiografia Il mio lungo viaggio. 90 anni di storie vissute (Mondadori): sesto posto per il più famoso divulgatore scientifico italiano. Prova provata dell'affetto che c'è verso questo signore della televisione vecchio stile. E anche curiosità, vista la sua riservatezza.