Scilipoti, onorevole pignorato

Da Responsabile a pignorato. Per l’ex Idv Domenico Scilipoti detto Mimmo i guai sembrano non finire mai, soprattutto dopo quel famigerato 14 dicembre in cui diede la fiducia al Cavaliere. L’ultima tegola è arrivata ieri, dopo che la Cassazione ha confermato la sentenza d’appello emessa a Messina nel 2009, che condanna Scilipoti al risarcimento di circa 200mila euro all’ingegner Carmelo Recupero, a cui il deputato chiese negli anni Novanta un progetto per la costruzione di un poliambulatorio medico a Terme Vigliatore (Messina), paese d’origine di Scilipoti. Secondo quanto risulta dalle indiscrezioni, l’avvocato Vincenzo Mandanici, legale del creditore, avrebbe ottenuto il pignoramento degli immobili di Scilipoti, e avrebbe notificato un atto di pignoramento alla Camera per chiedere il sequestro delle indennità accessorie del deputato, visto che per legge lo stipendio dei parlamentari non è pignorabile.