Le Scimmie festeggiano i 25 anni con Aida Cooper

Franco Fayenz

Riusciranno gli appassionati di jazz che abitano a Milano e dintorni, a sopravvivere alla carenza della musica preferita per tutto il mese di agosto? Restano aperte le Scimmie, quest’anno più attive che mai perché festeggiano i 25 anni dalla loro fondazione. Ma è logico che - con tutta la stima per la prestigiosa sala di via Ascanio Sforza 49 - gli appassionati cerchino un’alternativa e ce la chiedano. Daremo puntuali informazioni appena in grado, se ci saranno novità.
Parliamo intanto delle Scimmie. E cominciamo dall’elegante cd doppio cartonato (25 anni, distribuito da Edel Italia), immesso sul mercato in questi giorni: ricordiamo di passaggio che il cd prodotto nel 2001, celebrativo del ventennale, era un singolo. Appena si apre il «libro» si vede campeggiare il celebre memento di Friedrich Nietzsche («una volta eravate scimmie, anche adesso l’uomo è più scimmia di tutte le scimmie») da cui il nome del locale. Poi si apprende che l’album è antologico, nel senso che contiene brani (21, per l’esattezza) degli autori-esecutori che in tanti anni si sono esibiti alle Scimmie. Chi abbia qualche nozione delle faccende discografiche sa quali siano le speciali difficoltà delle antologie in materia di cessioni e di diritti. Perciò la grande maggioranza dei musicisti in campo sono italiani: ma oggi sappiamo che in Italia si suona un jazz che è tra i migliori del mondo. Le belle immagini della copertina del cd, ripetute anche all’interno, sono di Saverio Di Spirito.
E veniamo al programma «scimmiesco» della settimana. Per le prossime sere segnaliamo oggi (ore 22) il duo Marchesini-Monteforte, domani e dopodomani una Jazz Jam Session alle 22, giovedì la voce di Aida Cooper (ore 22.30), venerdì il quartetto di Priscilla Zancheta e sabato Star Dance con Tullia Barbera, sempre alle 22.30.