Scintille Prandelli-Maggio Per la Samp l’ora della verità

«Prandelli? Lui non mi ha capito, i tifosi sì». «Certe parole Maggio se le poteva risparmiare, quando arrivai era rotto, neanche a Treviso fu tra i migliori». Se la tensione non fosse già stata alta, la vigilia di Fiorentina- Sampdoria è stata resa rovente dal botta e risposta tra Christian Maggio e il suo ex allenatore. Ruggini di quando l’esterno doriano vestiva la casacca viola e non trovava spazio. La replica stizzita di Prandelli scalda l’ambiente blucerchiato se non bastasse l’esodo dei tifosi. Perché sarà comunque un esodo anche se la vendita dei biglietti si è fermata a quota 2.400 visto che la Fiorentina non ha inviato un tagliando di più. Una trasferta per vivere quella che tutti sognano come la festa più bella dell'anno. L'appuntamento è per questa mattina, quando da Genova partiranno almeno 15 pullman; gli altri arriveranno allo stadio con mezzi propri, anche se non si esclude che piccoli gruppi non organizzati possano raggiungere la città sui treni. E per chi raggiungerà Firenze con auto private ecco alcuni consigli su dove posteggiare: Viale Europa, via Generale Dalla Chiesa, via Visconti Venosta e il parcheggio delle Ferrovie dello Stato di via Chimera. Sarà tutto esaurito nel settore ospiti, ma l'intero stadio Franchi indosserà l'abito delle giornate più belle perché anche i tifosi viola hanno risposto presente a questa sfida che può significare il passaporto matematico, o quasi, per l'Europa e i cancelli del «Franchi» apriranno un’ora prima del solito: Champions o Coppa Uefa, poi si vedrà.
Tanti motivi per andare a Firenze e lasciare il proprio autografo su una partita che può essere vista anche come la sfida tra Mazzarri e Prandelli che ha vinto qualche mese fa quella Panchina d'Oro che il tecnico blucerchiato legittimamente sognava dopo il «miracolo» calcistico confezionato nella passata stagione a Reggio Calabria. E ancora sarà tutta da vivere la partita nella partita tra Cassano e Mutu, quelli che avranno il compito di accendere la lampadina. Mazzarri ha il vantaggio di avere una rosa al completo, eccezion fatta per Campagnaro e Castellazzi.
È rientrato anche Montella, dopo cinque mesi e mezzo di stop. Per l'Aeroplanino un piccolo, grande passo verso il definitivo recupero: intanto, oggi se ci fosse bisogno potrebbe giocare anche uno spezzone di gara. Per il resto la formazione sarà quella prevista. Mirante tra i pali, e davanti un terzetto formato da Lucchini, Gastaldello e Accardi. Mentre a centrocampo la velocità di Maggio sulla fascia destra, ex con tanta voglia di fare uno sgambetto alla Fiorentina, potrebbe fare la differenza. Vicino a lui Delvecchio, mentre Palombo sarà in cabina: dalla parte opposta toccherà, invece, a Franceschini e Pieri. Infine l'attacco: attenti a quei due, ci sarebbe da dire. Cassano più Bellucci, la Fiorentina deve preoccuparsi.
E il talento barese vuole finalmente cancellare quella statistica, mai la Samp ha vinto in trasferta con lui in campo. Quella di oggi è l'occasione perfetta per togliere l'incantesimo.