Sciopero dei trasporti: domani mezzi a rischio

Sarà un venerdì nero. Lo sciopero di domani durerà solo quattro ore ma
è di quelli tosti: riguarderà mezzi pubblici, treni e l’aeroporto di
Linate

Sarà un venerdì nero. Lo sciopero di domani durerà solo quattro ore ma è di quelli tosti: riguarderà mezzi pubblici, treni e l’aeroporto di Linate. A indirlo sono le principali organizzazioni sindacali, che chiedono il rinnovo del contratto collettivo della mobilità.
I treni delle Ferrovie dello Stato si fermeranno dalle ore 9 alle ore 13, con la promessa di non toccare le fasce orarie di maggior afflusso e garantire ai pendolari il regolare rientro a casa. Tram, metrò e autobus a Milano invece non funzioneranno dalle ore 8,45 alle 12,45, costringendo molti ad anticipare l’ingresso in ufficio o a tirare fuori dal garage l’auto. Con conseguenze facilmente immaginabili per il traffico di Milano.
Infine gli aeroporti. L’Enav, l’ente nazionale per l’assistenza al volo, comunica che dalle ore 12 alle ore 16 si fermeranno i controllori di volo del centro d’area di Milano, che gestisce un’ampia fetta di traffico del centro-nord. Contemporaneamente ci sarà anche lo sciopero dei controllori di volo di Linate e di Orio al Serio.