Sciopero, stop ai trasporti il 9 e 10 novembre

L'agitazione, per il rinnovo del contratto nazionale di categoria, scatterà dalle 21 di domenica 9 alle 21 di lunedì 10
novembre per tutti i dipendenti del trasporto ferroviario e servizi e di quelli delle aziende di
trasporto pubblico locale per l’intera giornata del 10

Roma - Nuovo sciopero dalle 21 di domenica 9 alle 21 lunedì 10 novembre di tutti i dipendenti del trasporto ferroviario e servizi e di quelli delle aziende di trasporto pubblico locale per l’intera giornata del 10. La nuova protesta segue quelle di quattro ore del 9 maggio scorso e di 24 ore del 7 luglio. Al centro della protesta, indetta dalle organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugltrasporti, Orsa Trasporti, Faisa e Fast la vertenza per il nuovo CCNL della Mobilità per gli addetti al trasporto locale, ferroviario e servizi.

Fasce orarie garantite Lo sciopero si svolgerà nel settore ferroviario garantendo, nel rispetto delle fasce orarie previste dalla legge (6 alle 9 e dalle 18 alle 21), i treni regionali. Autobus, tram e metropolitane si fermeranno lunedì 10 secondo modalità decise in sede locale.

Trasporto locale, città per città Queste le modalità in alcune delle principali città. Roma dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio; Milano dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 a fine servizio; Napoli dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio; Torino dalle 9 alle 12 e dalle 15 a fine servizio; Firenze dalle 9.15 alle 11.45 e dalle 15.15 a fine servizio; Venezia-Mestre dalle 9 alle 16.30 e dalle 19.30 a fine servizio; Genova dalle 9,30 alle 17 e dalle 21 a fine servizio; Bologna dalle 8.30 alle 16.30 e dalle 19.30 a fine servizio; Bari dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.30 a fine servizio; Palermo dalle 8,30 alle 17,30 e dalle 21.30 a fine servizio; Cagliari dalle 9,30 alle 12.45, dalle 14.45 alle 18.30 e dalle 20.30 a fine servizio.