Scippata la moglie dello sceicco Ma non può parlare con gli agenti

In città con la famiglia è uscita come tutte le brave turiste che si rispettino a fare spese, che poi essendo il quadrilatero della moda si chiamano «shopping». Fatti due passi però è stata borseggiata da un manolesta che, subito individuato a inseguito dai passanti, ha mollato la presa. Dopo pochi minuti è arrivata anche una volante che ha cercato di sentire la vittima trovandosi però di fronte a una difficoltà: era musulmana e la sua religione non le consentiva di parlare con uomini fuori dalla sua cerchia famigliare. Alla fine è intervenuto il figlio che ha fatto da intermediario, consentendo in qualche modo agli agenti di chiudere la relazione.
«Location», come dicono quelli che sanno stare al mondo, di questa scena via Gesù, di fronte al «Four Seasons» ex convento di clausura del Quattrocento, con «affreschi e superbe volte» come recita il sito nelle principali lingue: oltre alle solite inglese, francese e tedesco, ovviamente anche arabo, cinese, giappone e russo. I nuovi ricchi insomma, che possono contare anche un fitness center, che poi sarebbe la palestra, e un centro benessere. Alla modica cifra 600 euro a notte per una standard. Colazione esclusa. Qui sono soliti scendere industriali, grandi manager, personaggi dello spettacolo e ovviamente sceicchi arabi. Come il misterioso ospite appena giunto dall’Arabia Saudita. Di lui è impossibile sapere qualsiasi informazione, la direzione del cinque stelle ha infatti steso una cortina di riservatezza.
Si sa però che la moglie, una signora di 67 anni, ieri verso le 17 è uscita avvolta nei soliti veli mediorientali che le coprivano il volto per un giretto nel quadrilatero della moda. Fa pochi passi verso via Montenapoleone, un borseggiatore, forse un romeno, riesce a infilarle una mano nella borsa e prenderle il portafoglio per poi mettersi a correre. Subito inseguito da alcuni passanti messi in allarme dalle grida d’aiuto della vittima. Così il ladruncolo abbandona portafoglio per scappare meglio, riuscendo a esclissarsi nella folla.
La donna riavuto il maltolto rientra lestamente in albergo dove viene subito raggiunta dagli agenti di una volante allertati dai passanti. E qui per poco non nasce un incidente diplomatico, perché la donna si rifiuta di incontrare uomini estranei alla sua cerchia famigliare. Alla fine scende il figlio, 40 anni, che spiega come non sia proprio il caso di insistere a voler parlare con la madre: «Lo vieta la nostra religione». Quindi precisa di ignorare il contenuto del portafoglio ma che comunque è tornato intatto alla legittima proprietaria. E il caso si chiude qui.