Scivolone della Snia

Piazza Affari ha confermato ieri il trend positivo in atto, con un ulteriore progresso degli indici, progresso tuttavia inferiore alle performances realizzate dalle altre Borse europee. Mentre Mibtel e Mib30 hanno superato l’1%, il Midex continua a correre in tono minore, sulla stessa lunghezza d’onda dell’indice All Stars. Sostenuto il volume degli scambi, superiore a 4,1 miliardi. A fare mercato pochi titoli e, tra questi, le Fiat (più 5,8%) ai rumors circa possibili disimpegni, tra cui quello in Rcs, che arretra ancora dell’1,1%. Sulla scia del titolo torinese, in crescita anche Ifi privilegiate ed Ifil di oltre il 2%. Poco mossi i titoli del risiko bancario, mentre migliora di poco Fideuram, seguita da Banca Intesa, quest’ultima acquistata dopo i report positivi di numerose società di rating. Nelle popolari risveglio delle Milano, mentre al mercato Expandi ha ripreso a correre la Popolare Emilia Romagna. Debutto brillante per Toro assicurazioni, che ha guadagnato oltre il 7% sul prezzo di collocamento, anche a seguito della notizia che il presidente della Compagnia, Belloni, ha comprato sul mercato 100 mila azioni. Bene i titoli energetici, mentre Snia cala del 4% per le possibili difficoltà nel rimborso di un prestito obbligazionario.