Sconfessato il gip che scarcera i rom

Stessa inchiesta, stesse imputazioni. Vengono fermati otto nomadi, tutti della famiglia croata Sulic che mandavano sei loro figli tra otto e dieci anni a rubare nelle case del Nord Italia minacciandoli brutalmente. I fermi devono essere confermati da quattro giudici per le indagini preliminari. Martedì il primo gip scarcera due fermati per «assoluta assenza di un reale e concreto pericolo di fuga». Ieri gli altri tre magistrati decidono all’opposto: convalidano in quanto «sussiste il concreto pericolo di fuga».