Sconti ai privilegiati, batosta sulle case popolari

Una maratona di tredici ore di Consiglio e 68 emendamenti per cercare un accordo sul Fondo comune d’investimento che comporta la cessione del patrimonio immobiliare comunale per un valore di 240 milioni di euro. Previsti dalla delibera uno sconto del 30 per cento per gli inquilini di «Affittopoli» che dimostreranno un reddito inferiore a 60mila euro. Gli introiti saranno investiti in opere pubbliche. Intanto è in arrivo una stangata per quelli che «non hanno santi in Paradiso» e vivono nelle case popolari. Per loro la Commissione regionale al Territorio ha pronti aumenti fino al 30 per cento. In cantiere anche nuovi criteri per la valutazione degli alloggi.