Sconti e abbonamenti: ecco quanto costerà entrare in auto in città

Tessere annuali da 100 a 500 euro e metà prezzo per i residenti nei Bastioni. Gli ingressi quotidiani fino a 10 euro, gratis moto e scooter

Che si chiami ticket, eco pass, pollution charge o congestion charge la sostanza non cambia. Al bando i nominalismi da scolastica medioevale, la sostanza è questa: dal 2 gennaio si comincerà a pagare per entrare e circolare nel centro di Milano. Il limite, come già detto più volte, la Cerchia dei Bastioni, quella cioè che «collega» tutte le «porte» di Milano. Il 2 gennaio dunque parte la sperimentazione, anche se di sperimentazione ha ben poco: per quella data, infatti, saranno già state installate le telecamere e si comincerà a pagare a tutti gli effetti ogni volta che si varcherà il limite. Tra un anno si vedrà, magari anche con un referendum, come «aggiustare il tiro». 2, 5 o 10 gli euro al giorno da versare nelle casse del Comune. Residenti o non residenti non farà differenza, a parte una sforbiciata sugli abbonamenti per chi risiede dentro la Cerchia dei Bastioni che, da Capodanno 2008, diventerà la nuova «dogana».
Dopo mesi di trattative, braccio di ferro con i partiti del centrodestra e non, la Moratti ha vinto la sua battaglia, una battaglia che porta avanti da quando si candidò a sindaco di Milano: quello del ticket è sempre stato un suo pallino. Da oggi la lady di ferro potrà vantarsi di avere inserito Milano nella rosa delle città che pretendono il pedaggio cittadino: Londra, Oslo e Stoccolma in Europa, Singapore nel mondo.
Il principio del tariffario è semplice: chi più sporca l’aria, più paga. Tartassati, allora, furgoncini e auto datate, libera circolazione per i modelli più recenti. Nessun problema, invece, per scooter e moto. Che inquinano, ma (con una certa incoerenza) sono state graziati forse in virtù del fatto che non intralciano la circolazione. Non semplicissimo districarsi nella giungla di cifre e tabelle, ma a tutto penserà il «cervellone» collegato alla banca dati della motorizzazione civile. Per chi, invece, volesse cimentarsi da solo, sappia che entreranno gratuitamente i mezzi a quattro ruote Gpl, a metano, ibridi ed elettrici (classe 1), ma anche quelli a benzina purché Euro3 o Euro4 (classe 2) e diesel con filtro omologato. Tassa da 2 euro per benzina Euro 1 ed Euro 2 (classe 3), mentre sale a 5 euro la tariffa per i pre-Euro e per tutti i diesel, dagli Euro 1 agli Euro 4 (classe 4), mentre per i diesel pre-Euro (classe 5) è prevista la somma più alta: ben 10 euro al giorno. Ma speciali filtri antiparticolato potrebbero permettere anche ai diesel di scalare le classi. Per i residenti dentro la cerchia dei bastioni abbonamenti annuali rispettivamente da 50, 125 e 250 euro, per chi invece risiede fuori, questa la novità, gli abbonamenti diventano da 100, 200 e 500 euro.
Telecamere in funzione nei 43 varchi dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 19. Sabato, domenica e festivi circolazione libera. Si pagherà via internet, sms, tabacchini, banche e forse anche uffici postali. Ventiquattr’ore per mettersi in regola, poi multa di 70 euro. Incasso previsto nel primo anno 40 milioni di euro. «Tutti da reinvestire in verde, piste ciclabili e infrastrutture», assicura la Moratti. Da oggi parte, invece, la campagna informativa ai cittadini.