Sconti su fiori e addobbi per il sì in Comune

Si può dire il fatidico «sì» spendendo qualche euro in meno, da oggi, a Milano.
Sui bouquet della sposa e gli arredi floreali utilizzati per le cerimonie nuziali celebrate dal Comune ci sarà lo sconto: per far sì che anche le coppie meno abbienti pronuncino il sì loro più importante in una cornice adeguata l’Amministrazione comunali e le associazioni dei fioristi hanno messo a punto un tariffario a prezzi calmierati.
L’iniziativa, promossa dall’assessore ai Servizi civici Stefano Pillitteri, nasce dall’esperienza già collaudata di un’analoga intesa per gli addobbi funebri e permetterà ai neo-sposi di strappare una riduzione di circa il 15 per cento rispetto ai prezzi di mercato.
Si va da un minimo di 327 euro fino a un massimo di 1.480 euro. «Questo è un modo per essere concretamente vicini alle esigenze dei milanesi - ha osservato Pillitteri - che sono alle soglie di un passo tanto importante come quello del matrimonio». I depliant con i tariffari sono stati tradotti anche nelle lingue delle più popolose comunità straniere (russo, romeno, albanese e spagnolo) e saranno distribuiti negli uffici matrimoni del Comune e da tutti i fioristi che aderiscono all’iniziativa.
Il Comune celebra i matrimoni i matrimoni per cittadini residenti e non residenti si celebrano in via Larga a titolo gratuito. A Palazzo Dugnani invece i non residenti pagano.