«Sconti sull’Irap per chi assume»

«Sconti sull’Irap alle imprese che in questo momento di crisi economica mantengono o addirittura aumentano l’occupazione». La proposta, lanciata ieri dal sindaco, ha trovato subito una sponda nel presidente di Confapi Milano Paolo Galassi («finalmente una voce istituzionale a difesa delle piccole e medie imprese, che devono poter contare su risorse per innovare ed essere più forti», ha affermato).
Letizia Moratti promuove «la strada opposta» a quella, indicata nei giorni scorsi dal segretario del Pd Dario Franceschini, di prevedere un assegno di disoccupazione per tutti. «Meglio dare incentivi a occupare, piuttosto che incentivi a lasciare a casa i disoccupati», sostiene il sindaco. Perché «l’assegno di disoccupazione invece può tradursi in questo. Giustamente invece Berlusconi dice che si potrà intervenire con nuove misure, e mi permetto di dire che ad esempio alle imprese che dovessero decidere di mantenere i loro lavoratori o assumerne nonostante le difficoltà, uno sconto sull’Irap potrebbe essere un incentivo a creare nuovi posti». In chiave anti-crisi, anticipa invece che il Comune sta lavorando ad un pacchetto di sconti sulla spesa e i prodotti per bambini, destinato alle mamme milanesi in difficoltà. Una stoccata quindi agli attuali vertici del Pd, ma anche all’ex governo Prodi che hanno lasciato a Milano problemi come quello dell’ex Marchiondi occupato: «È una delle criticità - ha ammesso il sindaco durante la trasmissione Orario Continuato su Telelombardia -, al prossimo tavolo per la sicurezza in prefettura lo farò inserire tra le priorità, e lo faremo inserire tra gli obiettivi da presidiare in maniera rafforzata dai militari». Ma «purtroppo - ha aggiunto - dobbiamo sottostare a una decisione presa dal governo Prodi, che ha consentito ai nuovi Paesi entrati nell’Ue come Romania e Bulgaria di usufruire del permesso di soggiorno in maniera totale. Questo ci impedisce di fare dei rientri e il problema rom si è complicato».
Senza altre sorprese, invece, dovrebbe chiudersi oggi la vicenda del rimpasto in Comune: questa mattina alle 11.30 il sindaco riunirà in giunta la nuova squadra, con le new entry Alan Rizzi (che va a occuparsi di Sport e Tempo libero) e Giancomo Beretta (che assume la delega al Bilancio). Stessi assessori, diversi ruoli in formazione invece per Giovanni Terzi (che passa a Attività produttive, Moda, Lavoro, coordinerà il tavolo per i grandi eventi, i concerti a San Siro e le iniziative del Natale), Andrea Mascaretti, che va alle Aree cittadine (e aggiunge le Relazioni con la Provincia e la gestione di Fondazione Welfare e Fondazione scuole civiche) dopo le dimissioni di Ombretta Colli.
Solo parzialmente accolta la richiesta di An di affidare la delega alla polizia locale al vicesindaco Riccardo De Corato (a cui sono già state aggiunte le Relazioni con magistratura, prefetto e questura): avrà la guida alla vigilanza urbana, ma relativamente all’applicazione del decreto sicurezza di Maroni, il resto delle competenze sui ghisa resta in capo alla Moratti.