Scontri sugli spalti In campo è solo pari

da Reggio Calabria

Se all’andata si rischiava di perdere il conto dei gol, il ritorno al Granillo riserva decisamente meno emozioni. Reggina e Palermo si affrontano con il freno a mano tirato e danno vita a una gara combattuta ma poco spettacolare. Tra i padroni di casa debutta Vigiani, nel Palermo Guana preferito a Diana. L’equilibrio non si spezza e il primo tempo si chiude con un’occcasione per parte, con le conclusioni da fuori di Amoruso e Caracciolo, parate centralmente da Fontana e Pelizzoli. Se l’Airone rosanero ci prova, Di Michele non riesce a pungere e un Palermo troppo prevedibile rimane ingabbiato, anche se nella ripresa (che si apre in ritardo per ripetuti scontri sugli spalti) cerca un timido forcing. La palla gol più nitida capita a Zaccardo su corner, ma la sua girata finisce alta e i siciliani non si rendono più pericolosi.