Scontro a Ferragosto muore bimba di quattro anni

Una bambina ecuadoriana di 4 anni è morta nello scontro tra un’auto e un furgone avvenuto nella notte tra il 14 e il 15 agosto, intorno all’1.40, all’angolo tra viale Giovanni da Cermenate e via Lusitania, al Gratosoglio. L’auto, guidata da un italiano di 45 anni che viaggiava a velocità sostenuta lungo il viale e verso la periferia, all’incrocio ha colpito la fiancata del furgone con a bordo sei immigrati dell’Ecuador, tra i quali la bambina. Per il fortissimo impatto tra i due mezzi, il furgone si è ribaltato e ha prima sradicato un semaforo per andare a schiantarsi contro un’auto in sosta. La bambina è morta, mentre gli altri cinque ecuadoriani sono rimasti leggermente feriti. Qualcuno adesso, nella zona, comincia a parlare della «maledizione del Gratosoglio», zona di strade sconnesse e incroci difficili. Il 15 luglio scorso, infatti, era morta, dopo venti minuti di agonia, una bambina italiana di 8 anni investita sulle strisce pedonali da una moto «Harley Davidson». Quell’incidente era avvenuto in via dei Missaglia, poco prima delle 19. La piccola, Margherita R., che era in compagnia del nonno e del fratello gemello, rimasti illesi, stava attraversando la strada sulle strisce pedonali quando e' stata travolta dalla Harley Davidson che l'ha centrata in pieno. Appena il giorno prima era toccata a un bimbo cinese di 7 anni, finito in coma mentre stava attraversando la strada con la madre (rimasta illesa) in via Giacosa, appena fuori dal parco Trotter (zona viale Monza). \