Alla scoperta dei giardini segreti

Il via con l’Hortus Unicorni a Vetriolo. Poi escursioni ad Arsoli, Vignanello, Cisterna di Latina e Bracciano

L’autunno carica di colori la natura e si rivela un periodo magico - per certi versi migliore perfino della primavera - per scoprire alcuni degli straordinari giardini storici di cui il Lazio è ricco, veri e propri tesori nascosti. Con questo scopo è nata «I giardini nascosti», iniziativa giunta alla terza edizione che per quattro fine settimana a partire da oggi porterà i romani ma non solo alla scoperta di cinque tra i più affascinanti e inediti giardini storici privati del Lazio: l’Hortus Unicorni a Vetriolo (Vt), Castello Massimo ad Arsoli (Roma), Castello Ruspoli a Vignanello (Vt), il Giardino di Ninfa a Cisterna (Lt) e la Tenuta di San Liberato a Bracciano (Rm). «Questa iniziativa contribuisce ad ampliare l’offerta del nostro territorio rendendo fruibile un patrimonio naturalistico che è una grande risorsa da valorizzare per dare impulso allo sviluppo di un turismo sostenibile, anche al di fuori della Capitale», sottolinea l’assessore al Turismo della Regione Lazio, Claudio Mancini, che collabora con l’associazione culturale Amarilli nell’organizzazione. «Mi sembra particolarmente indovinata la formula dei Giardini Nascosti, in cui a ogni visita segue una degustazione di prodotti tipici locali», dice il presidente dell’Agenzia di Promozione Turistica di Roma e del Lazio, Federica Alatri. «Con questa iniziativa si aprono al pubblico spazi verdi sconosciuti ai più, ma che costituiscono un prezioso patrimonio culturale e paesaggistico», spiega Beatrice Rebecchini, fondatrice dell’Associazione Amarilli.
Si parte dunque oggi con l’Hortus Unicorni di Vetriolo (Vt), giardino minimalista dall’atmosfera magica e lunare sullo sfondo della suggestiva cittadina di Civita di Bagnoregio. Il giardino è di proprietà dell’artista Luca De Troia, che ha arricchito lo spazio con le sue sculture. Domani invece si visiterà Castello Massimo ad Arsoli (Roma): edificio di origine benedettina che vanta curatissimi e labirintici giardini all’italiana. Completa il tour, la visita al giardino pensile, di origine medievale, anticamente destinato alla coltivazione di piante medicinali e spezie.
Il programma dei prossimi fine settimana prevede sabato 18 e sabato 25 la visita del Giardino di Castello Ruspoli di Vignanello, domenica 19 di nuovo l’Hortus Unicorni, domenica 26 ancora Castello Massimo ad Arsoli, sabato 8 novembre la visita del giardino di Ninfa a Cisterna (Lt) e domenica 9 novembre quella della tenuta di San Liberato a Bracciano. Tutte le visite partono dall’Auditorium Parco della Musica di Roma e prevedono un contributo di 30 euro. Per informazioni e prenotazioni www.giardininascosti.it, info@giardininascosti.it, tel. 063228208/09.