Scoperto gene per la lotta contro l’autismo

L’Autismo è destinato a uscire dal silenzio. Potrebbe essere presto svelata la parola che rivelerà la causa di questa complessa malattia dello sviluppo neurologico che compromette la comunicazione e le relazioni sociali. A chiarire il meccanismo alla base di questa patologia, che in Italia colpisce due bambini su mille, sarà l'analisi del Dna e delle alterazioni di un gene, la neurexina 1, cui è impegnato il consorzio internazionale di ricercatori Autism genome project che ha pubblicato i primi risultati sulla rivista Nature. Per l'Italia ne fa parte la professoressa Elena Maestrini del Dipartimento di Biologia dell'Università di Bologna che da 8 anni è sostenuta in quest'impresa da Telethon. Si è appena conclusa la prima fase di questo progetto, ovvero l'analisi preliminare di circa 1200 famiglie che presentano almeno due casi d'autismo. Nella seconda fase, che sta per iniziare, si esaminerà ulteriormente il Dna per correlare i difetti genetici con le manifestazioni cliniche dei pazienti.