Scoperto a marinare la scuola si cala dalla finestra e precipita

Il ragazzo, 12 anni, era poi rimasto a casa La madre torna e lui si cala dal secondo piano ma perde la presa e si rompe gamba e braccio

Ha pensato che forse, se la madre non lo avesse visto, nessuno avrebbe saputo che quel giorno aveva marinato la scuola così ha cercato di scappare sentendola rientrare a casa. Per evitare una punizione però un dodicenne di Sesto San Giovanni ha rischiato la vita. Lo studente, residente in via Carlo Marx 495, non potendo fuggire dalla porta di casa, si è calato dalla finestra dell'appartamento al secondo piano cercando di trovare riparo nel terrazzino sottostante. Il ragazzino però è scivolato, piombando al suolo.
Erano da poco passate le 9.15 quando la persona che si occupa delle pulizie negli stabili sestesi di via Marx - un popoloso complesso a poche centinaia di metri al confine con Milano - ha sentito un tonfo e poi una flebile voce che continuava a lamentarsi. L’uomo, che si trovava vicino all'atrio, si è diretto verso l'area verde e si è reso conto che un giovane giaceva sanguinante sull’asfalto. Immediato l’allarme lanciato alle forze dell'ordine e al personale sanitario. Sul posto sono così giunti i carabinieri, l’ambulanza e l’auto medica inviate dal 118.
Lo studente è stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale Niguarda. Le sue condizioni non sembrano destare preoccupazioni. Dovrà restare a riposo per numerosi giorni. La caduta sembra abbia provocato delle fratture a un braccio e a una gamba. Se in un primo momento non veniva esclusa l'ipotesi del suicidio, subito dopo aver parlato con la mamma del ragazzo, i carabinieri hanno ricostruito quanto successo nell'appartamento al secondo piano di via Carlo Marx. La madre del dodicenne poco dopo essere arrivata sul posto di lavoro era stata contattata dalla scuola frequentata dal giovane che l’aveva avvertita che il figlio dodicenne non aveva varcato la soglia dell'istituto scolastico. La donna, descritta dai vicini come una persona volonterosa e cordiale, è allora rientrata a casa per vedere se il figlio fosse nell'appartamento. Il giovane però piuttosto che ammettere di aver marinato la scuola ha preferito calarsi dal balcone cadendo poi rovinosamente a terra dopo un volo di 5 metri.
Per tutta la giornata di ieri i vicini di casa, i frequentatori del bar di via Carlo Marx, i clienti del supermercatino a poca distanza non hanno fatto altro che parlare della disavventura del giovane. Giornata di angoscia anche per i compagni di scuola del dodicenne che temevano la caduta potesse avere conseguenze più gravi. Poi per fortuna le rassicuranti notizie arrivate dall’ospedale hanno tranquillizzato amici e compagni di classe. Lo sfortunato «Giamburrasca» se l’è cavata solo con un paio di fatture.