Le scorte Usa frenano il greggio

Il timore di un rialzo dei tassi statunitensi e di un calo della domanda cinese ha fatto risalire ieri i prezzi del petrolio verso quota 70 dollari. Ma nel pomeriggio le quotazioni si sono stabilizzate fino a scendere al di sotto dei 60 dollari il barile. Il mercato resta in attesa dei dati sulle scorte americane, che saranno diffusi oggi. Le previsioni puntano su un rialzo degli stock. L’ambasciatore saudita negli Usa, Al-Faisal, ha intanto affermato ieri che i prezzi del greggio restano elevati, pur in presenza di un mercato ben fornito.