Le scorte Usa spingono il greggio

Una seduta in ripresa per le quotazioni del greggio con il future del Wti tornato a valicare quota 50 dollari il barile. Lo spunto rialzista è stato ispirato dall’inatteso calo delle scorte petrolifere Usa scese nell’ultima settimana, secondo i dati del dipartimento all’Energia, di 1,6 milioni di barili. Ma su base annuale, il livello delle giacenze risulta superiore del 10,6% rispetto allo scorso anno. Seduta ancora interlocutoria per il comparto dei metalli di base e di quelli preziosi. L’oro si è confermato a 418,40 dollari l’oncia in attesa di vedere i dati sul Pil Usa.