Scossa di 4.3 gradi, trema il Piemonte

<p>
Terremoto in provincia di Torino. L'epicentro nelle Alpi Cozie,
tra Perosa Argentina e Giaveno. Cota: &quot;Nessun danno importante&quot;. <strong><a href="http://www.ilgiornale.it/mappa_terremoto_piemonte.pic1" target="_blank">Guarda la mappa</a></strong>. <a href="/video/uffici_evacuati_dopo_scossa_piemonte/id=terremoto_piemonte?" target="_blank"><strong>Guarda il video</strong></a>. La gente si riversa in strada. Si temono altre scosse di assestamento. <strong><a href="http://www.facebook.com/ilGiornale" target="_blank">Raccontaci il terremoto su Facebook.</a></strong> Leggi <strong><a href="/interni/terremoto_emozioni_lettori_facebook/terremoto-facebook-piemonte-emozioni-pensieri-lettori-ilgiornale/25-07-2011/articolo-id=536782-page=0-comments=1" target="_blank">le testimonianze dei lettori</a></strong>
</p>

Torino - Una scossa di magnitudo 4.3 è stata registrata in Piemonte, in provincia di Torino, lo riferisce la Protezione civile. La scossa sismica è stata avvertita dalla popolazione in provincia di Torino. Le località prossime all’epicentro sono Cantalupa, Pinasca e Cumiana. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 14,31 con magnitudo 4.3. Non risultano danni a cose e a persone.

Scossa avvertita dalla Liguria a Valle D'Aosta La scossa è stata avvertita anche in Liguria, soprattutto nell’estremo ponente della regione. I vigili del fuoco del comando provinciale di Imperia hanno ricevuto diverse telefonate da Bordighera e Vallecrosia, dove l’evento sismico sarebbe stato avvertito chiaramente dalla popolazione ma finora non sono stati segnalati danni a persone o cose. L'epicentro del terremoto che è stato avvertito in Piemonte è stato registrato a circa 25 chilometri di profondità. Per questo, spiega Antonio Piersanti, dell'Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia), nonostante il fatto che un sisma di magnitudo 4,3 "non può assolutamente definirsi una forte scossa di terremoto", "è normale che si sia sentito su una vasta area". La vibrazione è stata avvertita infatti dalla Liguria alla Valle d'Aosta.

Possibili altre scosse "C’è stato un terremoto di magnitudo 4.2, dunque abbastanza profondo. Si è avvertito dappertutto, anche a Torino e fino a Milano. Per le prossime ore sono possibili altre scosse di assestamento". Lo dice Enzo Boschi, presidente dell’Istituto di Geofisica e Vulcanologia.

Nessun danno importante "Al momento non si segnalano danni importanti", afferma il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, che aggiunge: "Il nostro servizio di Protezione civile è al lavoro e sono tenuto costantemente informato sull’evoluzione dell’evento".