Scudetti e medaglie per i campioni senza tempo

Tre formazioni, tre medaglie, tre qualificazioni per i prossimi Mondiali Master: è il bottino di una «Golfo Paradiso» scatenata alle recenti Finali Nazionali. La società del presidente Angelo Figari torna da Pietralata con lo scudetto cucito sulle calotte della squadra femminile +30, la medaglia d’argento conquistata dalla formazione +50, il bronzo della +40. Tre giorni di partite, un livello tecnico piuttosto alto: divertimento ma anche tanto agonismo.
Angelo Figari presidente e giocatore della Golfo Paradiso commenta il grande successo: «Non me lo aspettavo. Abbiamo sofferto un po’ perché il gruppo si è trovato ridimensionato, le finali organizzate in un periodo molto alto come questo ha creato non poche difficoltà per ritrovare i compagni, tra le ragazze poi quattro di loro che sono diventate mamme. E la soddisfazione maggiore è arrivata proprio dalla femminile, una squadra senz’altro da ripetere a cominciare dai Mondiali a Riccione 2012. Dobbiamo sicuramente lavorare sui 40 e sui 50».
Soddisfazione anche perché la Golfo Paradiso è l’unica società in Italia a presentare tre formazioni, e poi ci sono le medaglie. La «Golfo Paradiso» ha ricevuto i complimenti di molti, compresa la categoria arbitrale presente. Anche il livello sportivo è stato di tutto rispetto pur se condito da un ambiente sano, goliardico e divertente. Motivo di particolare soddisfazione anche per Stefano Carbone, allenatore della femminile che mai in carriera aveva vinto uno scudetto. «La Golfo Paradiso mi è entrata subito nel cuore. Tutto è cominciato ad ottobre quando ho vissuto la grande delusione di non allenare più la mia squadra in A2, poi retrocessa, sono stato scelto, e questo mi ha riaperto il cuore»