Sculli, un rinvio che fa sperare

Un rinvio che fa sperare, ma che per ora non lo restituisce al calcio giocato. Dopo l'udienza di ieri alla Caf Giuseppe Sculli resta squalificato fino a luglio per omessa denuncia relativa all'ormai famigerata partita tra Crotone e Messina del 2002, ma la Commissione d' Appello Federale ieri a Roma ha aperto uno spiraglio volendo approfondire la vicenda. Ha chiesto di acquisire dalla procura di Reggio Calabria tutte le intercettazioni telefoniche relative alle indagini sulla presunta combine. Ha fatto, insomma, quello che in primo grado doveva fare la Commissione Disciplinare che invece si è limitata ad analizzare superficialmente i fatti squalificando il giocatore rossoblù.
«Non era mai successo prima» ha dichiarato il procuratore federale Stefano Palazzi che ha continuato a chiedere tre anni di squalifica. «È il nuovo corso» ha commentato invece la difesa di Sculli che chiedeva l'assoluzione. Sarà sicuramente così, ma intanto l'attaccante non potrà essere impiegato da Gasperini ancora per un po' . Fino a quando cioé la Caf non avrà analizzato il tutto: che tradotto significa almeno metà febbraio.
E allora nell'incertezza gli ultimi interventi di mercato del Genoa si muoveranno anche alla ricerca di un giocatore offensivo. In questo senso si rafforza la pista che porta ad Adriano dell'Atalanta. Intanto dal 'Signorini' prime prove anti Napoli per Gasperini: in assenza di Adailton, affaticato, il tecnico rossoblù ha provato il tridente Greco, Di Vaio, Leon.