Una scuola per i bimbi girovaghi

I bambini giapponesi che hanno trascorso un lungo periodo in Italia o all’estero per motivi di lavoro dei genitori, quando tornano in patria hanno spesso problemi a integrarsi. Le maggiori difficoltà sono causate dalle differenze nei programmi di studi e dal fatto che sono considerati «diversi» per aver trascorso parte della loro vita a contatto con un’altra cultura. Il più delle volte sono vittime di episodi di bullismo e di angherie da parte dei loro coetanei che li rifiutano. Per questo stanno crescendo le scuole di riorientamento, dove questi ragazzi della globalizzazione possono imparare a riadattarsi alla società e valorizzare l'esperienza acquisita all'estero: di fatto una risorsa per il Paese.